- Thursday 2014/11/27 11.21.59  

ATTIVITA' SPERIMENTALE

Consulta l'Archivio    
ATTIVITA' SPERIMENTALE
    

 

Trasferta osservativa

 
Sabato sera di Luna Nuova alla ricerca di nuovi siti osservativi per l'UAN

-----

Il luogo testato ieri per la trasferta osservativa si trova all'interno del Parco Naturale Taburno Camposauro, località Vitulano, non lontano da Solopaca e a circa 1150 metri d'altitudine
La strada è ben asfaltata fino al punto osservativo: un ampio parcheggio per camper adiacente ad una zona pic nick, facilmente raggiunginbile alle coordinate 41°10'28.40" N e 14°36'07.00" E.
 
Il cielo era molto buono: la Via Lattea visibile da Ovest ad Est, dal Triangolo estivo che tramontava fino all'Auriga bassa ad Est, attraversando il Perseo e Cassiopea. Ad occhio nudo si percepivano chiaramente la galassia di Andromeda e il doppio ammasso del Perseo. Quindi un posto con ottima strada, ottima postazione per stumentazione e per parcheggiare, a soli 70 Km da Napoli!
 
Il Sud non era completamente sgombro dalle montagne, anche se un valico particolarmente largo ci permetteva di osservare senza difficoltà tre stelle luminose a Sud della Lepre, che poi abbiamo scoperto essere le stelle più luminose della costellazione della Colomba: declinazione -36° circa ma l'orizzonte, era comunque qualche grado più basso.
 
Il cielo non prometteva nulla di buono per la presenza di nebbia per strada ma una volta arrivati sul posto, intorno alle 21, abbiamo constatato che era davvero limpido in ogni direzione e lo è stato fino alla fine della serata. Il freddo era tanto come pure la voglia di osservare.
 
Ed infatti ci siamo dedicati maggiormanete agli oggetti più famosi: oltre ai vari ammassi stellari dell'Auriga, Gemelli, Giraffa, Triangolo e di Orione, abbiamo osservato alcune nebulose planetarie, come M57 che pur se molto bassa sull'orizzonte era praticamente visibile come quando a Napoli è allo Zenith; poi Nebulosa Eskino, e altre due meno conosciute per testare il cielo come NGC 1501 e 2022 in Giraffa e Orione rispettivamente.
 
Maggiore attenzione l'abbiamo dedicata ovviamente alla Nebulosa d'Orione sia a medi che ad altissimi ingrandimenti: meraviglioso era il gioco delle zone scure e delle zone luminose come pure il forte contrasto dei due bracci che la caratterizzano.

Di particolare bellezza è stata anche la Galassia di Andromeda che si staccava praticamente dal fondo del cielo insieme alle galassie satelliti M32 e M101, come pure la galassia M33, chiara e netta come non mai.

Chiaramente visibili anche gli ammassi aperti NGC 1907 e 2135, compagni rispettivamente di M38 e M35.

Mattia ha apprezzato molto la visione di M1, il resto di supernova nel Toro ma anche le altre galassie meno conosciute come M77 ed M74.
 
Insomma: un cielo favoloso, tantissimi oggetti osservati, una manciata di meteore, il sottofondo dei campanacci, il colori autunnali intravisti con i fari dell'auto, ci hanno relagalo una bella serata osservativa in compagnia.
 
Cieli sereni a tutti.
Mattia e famiglia completa, Paolo e Valeria.

Pubblicato il 23/11/2014 alle ore 15:16:59

. o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o .


 

Sezione Luna UAN

 
alla ripresa delle osservazioni della Sezione Luna sono stati rilanciati i programmi osservativi relativi ai domi lunari e alle osservazioni topografiche dei crateri

-----

alla ripresa delle osservazioni della Sezione Luna sono stati rilanciati i programmi osservativi relativi ai domi lunari e alle osservazioni topografiche dei crateri. Si sono individuati una decina di domi osservabili nel corso della lunazione e a breve verranno comunicate le date di osservabilità degli stessi.
Per le osservazioni topografiche dei crateri si è deciso di procedere ad una riduzione dei dati che dia come risultato finale delle schede cratere molto sintetiche per semplificarne la consultazione anche durante le osservazioni al telescopio.


Pubblicato il 21/11/2014 alle ore 11:21:09

. o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o .


 

Sezione Spettroscopia

 
Sulla rivista "Astronomia" UAI di Novembre-Dicembre è stato pubblicato, nella sezione ricerca (trampolino per l'inserimento nel SAO/NASA Astrophysics Data System Libreria digitale della NASA), il nostro lavoro intitolato "La velocità di espansione della supernova SN2014J nella galassia 'Sigaro' M82 misurata mediante spettroscopia a bassa risoluzione". La rivista è consultabile in Sede.

-----

Sulla rivista "Astronomia" UAI di Novembre-Dicembre è stato pubblicato, nella sezione ricerca (trampolino per l'inserimento nel SAO/NASA Astrophysics Data System Libreria digitale della NASA), il nostro lavoro intitolato "La velocità di espansione della supernova SN2014J nella galassia 'Sigaro' M82 misurata mediante spettroscopia a bassa risoluzione". La rivista è consultabile in Sede.
--
Elio Ricciardiello



Pubblicato il 18/11/2014 alle ore 06:06:55

. o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o .


 

Sezione Radioastronomia

 
Inaugurato il radiotelescopio nell'ambito del Progetto Radio Jove e le nuove attività di sezione.

-----

Grazie alla collaborazione di alcuni Soci dell'UAN e dell'ARI-Sezione Napoli, il Dipartimento delle Comunicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico ha concesso il nominativo speciale "II8RJP" per la stazione radio che è stata attivata sabato 18 Ottobre proprio in occasione del IV AstroUAN_Meeting e dell'inaugurazione del ra- diotelescopio UAN. La sigla RJP sta per "Radio Jove Project". La stazione radio è stata allestita nel piazzale antistante l'Auditorium. L'evento ha quindi avuto un'amplissima risonanza in tutt'Italia anche tra i radioamatori, che hanno potuto collegare la stazione speciale in banda HF.
(Link al video dell'Inaugurazione radiotelescopio Progetto Radio Jove, 18 ottobre 2014
https://www.youtube.com/watch?v=CYEYRzrlors realizzato da Luigi Di Ruberto)

Adesso è tutto pronto per iniziare le attività infatti è già partito il mini corso di radioastronomia, nella nostra sede sociale si è svolto il primo incontro del corso
Filippo Bove comunica i link dropbox della presentazione e del materiale di approfondimento della prima lezione (https://www.dropbox.com/sh/fwnm7e9ty18u23q/AAAr87R8rgyqBBHuNUk1dJsAa?dl=0)  e quello delle registrazioni effettuate fino al 7 novembre dal nostro radiotelescopio
(https://www.dropbox.com/sh/5y5c7dx5qlyvf05/AABLsaLR62LY4d4QfQXsCm6-a?dl=0). Ricordando che questi dati si possono aprire usato il programma gratuito Radioskypipe II
(scaricabile gratuitamente da http://www.radiosky.com/skypipeishere.html).

Vi ricordo ancora il programma del minicorso:

1° incontro
martedì 11 novembre 2014
Relatrice: Claudia La Rovere
Corrente continua ed alternata: principi di elettrotecnica

2° incontro
martedì 18 novembre 2014
Relatore: Gino Di Ruberto
Onde radio, antenne e linee di trasmissione

3° incontro
martedì 25 novembre: 2014
Relatore: Gino Di Ruberto
Introduzione alla radioastronomia

4° incontro
martedì 2 dicembre 2014
Relatore: Filippo Bove
Il progetto RadioJove: la teoria e la pratica

5° incontro
martedì 9 dicembre 2014
Relatore: Gino Di Ruberto
Larghezza di banda, modulazione e demodulazione, ricevitori

6° incontro
martedì 16 dicembre 2014
Relatore: Filippo Bove
ll Meteor scattering e le altre possibilità della radioastronomia amatoriale

Per le news ed altri appuntamenti consultare il calendario.
--
David D'Ambrosio


Pubblicato il 17/11/2014 alle ore 03:06:08

. o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o .


 

Sezione Radioastronomia: osservazione radio Perseidi

 
L'attività dello sciame meteorico delle Perseidi, censita tramite osservazione radio, si è rivelata modesta.

-----

Cari amici, questa notte e qusta mattina (13 agosto 2014), in corrispondenza del momento di massima attività, ho effettuato l'osservazione radio dello sciame meteorico delle Perseidi con il mio ricevitore Yaesu FRG-9600, collegato ad un'antenna Vimer B-159 e sintonizzato in SSB per ricevere il radar GRAVES.
Allo scopo di ottenere i dati di tutta la notte, tramite computer collegato al ricevitore, ho avviato una registrazione. Purtroppo, a causa di un inspiegabile riavvio del computer, da me scoperto alle ore 6:30, la registrazione non è stata archiviata, tuttavia sono in grado di fornire i dati tra le ore 24 e le ore 2 e tra le ore 7 e le ore 8 (ora estiva).
Ecco cosa ho ricevuto:
0:26 1 ping debole + 1 ping debole di circa un secondo
0:46 1 ping debole
1:01 1 ping debole
1:02 1 ping di media intensità di circa un secondo
1:03 1 ping debole
1:04 1 ping debole di circa un secondo
1:07 1 ping debole
1:11 1 ping debole
1:12 1 ping debole di circa un secondo + 1 ping debole di circa due secondi
1:24 1 ping di media intensità di circa un secono
1:46 1 ping debole

7:19 1 ping debole
7:49 1 ping debole
7:55 1 ping debole
7:57 1 ping debole di circa un secondo

Non ho proprio la più pallida idea di cosa abbia causato il riavvio del computer.
Posso aggungere che, sicuramente, intorno alle ore 2:50 è stato ricevuto un ping forte perchè l'ho udito distintamente quasi sobbalzando.

Come si può vedere, l'attività di questo sciame, o se non altro, quella censita tramite osservazione radio, è risultata piuttosto modesta (se confrontata, per esempio, con quella rilevata durante l'osservazione radio fatta per le Quadrantidi). Se ricordate, è la stessa impressione che avemmo l'anno scorso e questo diede lo spunto al nostro socio Franco Ruggieri per un ragionamento di tipo geometrico sulla direzione dei segnali e e quella di puntamento dell'antena direttiva Yagi, usata allora.
Saluti.
--
Gino Di Ruberto,
Co-Segretario Culturale Unione Astrofili Napoletani,
335.8414439.



Pubblicato il 13/08/2014 alle ore 09:54:40

. o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o . o O o .


UAN versione 2.0 - UAN © 2005-2014