Il cielo del mese di ottobre

A cura di Piera Salvati

In questo mese di ottobre le giornate si accorceranno ulteriormente,ma in compenso potremo cominciare le osservazioni più presto e, fino al 10 ottobre, la Luna non offuscherà con la sua luminosità le stelle, quindi avremo più occasioni per dedicarci a individuare le Costellazioni

Il Sole e la Luna

Il Sole sarà nella Vergine fino al 31, nel corso del mese e le giornate si accorceranno di circa 1 ora e 21m. Proviamo ad osservarlo sempre con gli appositi filtri e a fotografarlo per monitorare le macchie solari. Nella notte tra il 30 e il 31 si tornerà all’ora solare.

La Luna sarà visibile di sera intorno al 10, ma il 7, l’8 e il 9, nella luce del crepuscolo, potremo ammirare i falcetti di Luna crescente. In particolare l’8 ci sarà anche il Perigeo e sarà l’occasione per fare delle belle foto. Il Primo Quarto l’avremo il 13 (osserviamo col binocolo lungo il terminatore), la Luna Piena il 20.

Il 16 ottobre tornerà la Notte Internazionale della Luna, l’iniziativa mondiale dedicata all’osservazione del nostro affascinante satellite. L’UAN parteciperà come sempre come delegazione UAI, continuate a seguirci perché daremo maggiori informazioni!

I Pianeti

Mercurio, a causa della congiunzione col Sole del 9 ottobre sarà inosservabile, poi man mano lo vedremo al mattino presto sull’orizzonte Est. Il giorno migliore per osservarlo è il 25, quando sorgerà 1 ora e 36m prima del Sole accanto ad Arturo, la stella più brillante dell’emisfero boreale.

Venere lo vedremo facilmente, luminoso, sull’orizzonte SO dato che tramonterà molto dopo il Sole (più di 2 ore). Lo individueremo nella Bilancia fino al 7, nello Sorpione fino al 20, poi nell’Ofiuco.

Marte sarà inosservabile per tutto il mese perchè sarà in congiunzione col Sole l’8 tra le stelle della Vergine.

Giove lo vedremo ancora splendere nella prima parte della notte nel Capricorno. Potremo osservare le varie configurazioni dei suoi 4 satelliti galileiani e gli eventuali transiti di essi sul pianeta.

Saturno nel Capricorno, lo troveremo più ad Ovest di Giove e tramonterà prima di quest’ultimo, verso mezzanotte.

Urano osservabile per buona parte della notte ad E nell’ Ariete. Consigliabile almeno un buon binocolo.

Nettuno osservabile nella notte a SE nell’Acquario. Necessario un telescopio.

Le Costellazioni

Ad Ovest vedremo tramontare il Bootes con Arturo, l’Ofiuco, l’Ercole e il Sagittario .A SO troveremo Capricorno e Acquario.
Ancora visibili in alto la Lira con Vega, il Cigno con Deneb e l’Aquila con Altair, le tre stelle che formano l’asterisco del triangolo estivo.

A Sud vedremo una stella luminosa solitaria, è Fomalhaut, stella alfa del Pesce Australe.

Ad Est sorgeranno Ariete, Toro con le Pleiadi, l’Auriga con sopra una Y rovesciata: il Perseo e i Gemelli.

Allo zenit vedremo una caratteristica W, stiamo osservando Cassiopea, mentre il Grande Carro, da cui di solito partiamo per individuare la Polare, sarà basso sull’orizzonte.

Sotto Cassiopea ci sarà un quadrilatero, asterismo che caratterizza il Pegaso; al suo vertice a NE c’è una stella luminosa che appartiene al Pegaso come delta Pegasi, ma anche ad Andromeda come stella alfa. Da lì arriviamo verso Est ad un’altra stella altrettanto luminosa, Mirach, beta Andromedae e, tra Mirach e Cassiopea, possiamo individuare la Galassia di Andromeda, in un buon cielo addirittura ad occhio nudo!

M31 – Galassia di Andromeda – Foto di Francesco Pecorella

Fenomeni interessanti da osservare

  • 7, 8 e 9 ottobre al crepuscolo falcetti di Luna Crescente;
  • notte tra l’8 e il 9 ottobre sciame meteorico delle Draconidi;
  • 9 ottobre a SO falce di Luna crescente e Venere nello Scorpione dopo il tramonto del Sole nella luce del crepuscolo;
  • 14 ottobre Luna, Giove e Saturno nel Capricorno;
  • 15 ottobre la Luna sorpassa Giove e passa nell’Acquario;
  • 23 ottobre Luna calante nel Toro tra Aldebaran e le Iadi e le Pleiadi.